Agatha e i suoi occhioni blu.

🇮🇹 Agatha, con i suoi occhioni blu, é l’ultima allieva arrivata alla mia scuola di musica a Londra, Music Tree.
L’ho conosciuta giovedì scorso, non ha ancora 3 anni, ma oggi si sente pronta per entrare nella stanza di musica da sola, senza la nonna che l’accompagna a lezione.

A quanto pare, dopo la prima lezione di prova di 7 giorni fa, Agatha ha parlato un sacco di quello che abbiamo fatto insieme, tanto che i genitori hanno deciso di iscriverla al corso… Ma non me lo hanno detto.

Così, in questa settimana, io ho penso che la mia sessione ad Agatha non sia piaciuta, che non sarebbe tornata. Di conseguenza non avviso la famiglia che oggi musica non c’è perché tutti gli altri bambini sono già partiti per le vacanze.

Nel frattempo Agatha pensa di arrivare a musica, trovare gli altri bambini e giocare con la musica tutti insieme.
Purtroppo le devo dire che oggi musica non c’é e i suoi occhi si riempiono di lacrime. Non apre bocca (non l’aveva fatto nemmeno la settimana scorsa, anche se aveva partecipato a tutte le mie proposte di gioco musicale) e continua a fissarmi con i suoi occhioni blu.

Le dico che mi dispiace un sacco e che la prossima volta sicuramente giochiamo insieme, e le regalo uno sticker speciale di un gufetto Natalizio che suona le campanelle.
Agatha lo prende, abbozza un mezzo sorriso e se lo attacca sulla giacca, pronta per andare a saltare nelle pozzanghere con la nonna (che nonna figa, tra l’altro).

Mi fa vedere il vestito da principessa che si è messa apposta per la lezione di musica. È nascosto sotto alla giacca per saltare nelle pozzanghere. In questo mi ricorda me, con le scarpe nere di vernice per giocare sui sassi all’asilo.

Però ancora non apre bocca. La saluto, le dico “Merry Christmas” e “See you soon”, un po’ con il cuore in gola.
Si gira verso la nonna, prende la sua mano e le dice “There was no music today. We come back tomorrow “.

Ecco come finire il 2019 felice e soddisfatta. Agatha, ti conosco solo da una settimana ma so che faremo grandi cose insieme.

Grazie per avermi ricordato ancora una volta perché amo il mio lavoro così tanto ❤️
Finché c’è musica c’è speranza.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.